Tuesday, 5 August 2014

E' Partita!

E' partita, e stamattina la mammaInSe l'ha trovata gia' seduta sul letto alle 6, tutta sorridente e pronta per infilarsi i pantaloni verdi e trascinare la valigia con le ruote per i lunghi corridoi dell'aeroporto.
Quando, giorni fa, la mammaInSe l'ha portata in consolato per fare l'atto di affidamento, ha voluto precisare alla segretaria:" Ma glielo ha detto la mia mamma che lei non viene e vado proprio sola sola con i miei nonni?"

Ha fatto la lista di tutti i vestiti che andavano messi in valigia, così alla sera sarebbe stata la più elegante mentre andava a mangiare il gelato in passeggiata. Peccato che la mammaInSe si troverà a smacchiare fragola e cioccolato da ogni centimetro di quei vestitini frivoli!
Peccato anche che la Bibi abbia perso un sandalo proprio il giorno prima di partire.
Come ha fatto, chiederete, a perdere una scarpa? Ma voi non lo sapete che i  bambini inglesi, o semi-inglesi vanno in giro scalzi per giornate intere, seminando scarpe per ristoranti e parchi gioco come se fossero le briciole di pane di Hansel e Gretel?

La Bibi e' partita e quello piccolo la cerca in ogni aereo che ci passa sopra la testa, e la mammaInSe che e' un po' matta e un po' sentimentale, la chiama per sbaglio quando il pranzo e' pronto.
Proprio matte queste mamme che quando i figli non si staccano dalla gonna e non lasciano un minuto di pace, li darebbero volentieri in affidamento, ma tant'e' quando ne manca uno all'appello, si sente quel vuoto un po' scomodo!

Ancora più buffo quello piccolo che non si da' pace di questa silenziosa mancanza, lui che figlio unico non lo e' mai stato e  di cui già i primi vagiti erano coperti dalle urla delle mille richieste di una signorina più grande di lui. Buffo quando, tornando a casa nel pomeriggio, ha iniziato a trillare felice:
"C'e' Bibi a casa"
ripetendolo fino alla smentita di una casa silenziosa.

Anche lui ha capito che qualcosa di strano frulla nell'aria e, con la saggezza dei suoi due anni, ha lasciato paziente che la mammaInSe lo sfinisse con una doppia razione di baci e di attenzioni, senza  nemmeno indietreggiare inorridito!

6 comments:

  1. Bene..pensavo di essere l' unica ad avere questo problema...lo sfinimento della presenza dei figli tipico delle mamme e la mancanza assurda che provi quando sono assenti...bel post,complimenti!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie, mi chiedevo cosa succederà' quando se ne andranno entrambi? Il problema di una mamma a tempo pieno e' che quando se ne vanno i figli e' un po come se ti licenziassero… :)

      Delete
  2. mancano anche a me anche se siamo a pochi km di distanza...ma il bello è che tra qualche giorno vado in vacanza e ci riuniamo e poi la sera senza di loro mi dedico alla sistemazione di cose a casa che con la loro presenza è impossibile :P

    ReplyDelete
    Replies
    1. Vero, e' solo che quello piccolo e' rimasto qui ed e' lui il vero "trouble maker". Magari quando li faro' andare entrambi riusciro' a spegnere il cervello e godermi un po' di liberta' ;)

      Delete
  3. Replies
    1. Gia', ci diamo a lunghe conversazioni su skype in cui mi racconta quanto si diverte e c'ha già' da tagliar corto che deve andare a fare il bagno :)

      Delete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...