Friday, 2 November 2012

The Men's Flu

E' arrivato l'inverno. Maledizione.
No, l'autunno non l'abbiamo visto, un giorno c'erano le foglie verdi, il giorno dopo quelle gialle e rosse erano già tutte per terra ed il termometro segnava 8 gradi. Ecco. E' arrivato l'inverno. Ri-maledizione.
E con l'inverno sono arrivati i virus e le magagne di casainSe sono esponenzialmente aumentate.

La prima caduta in battaglia e' stata La Bibi, che si e' fatta una settimana di febbre alta alternando stati di euforia compulsiva a botte di roncoglionimento totale. Poveranima.
Il problema di una quasi-treenne con la febbre e' che non se la sa ancora godere. Vuoi mettere quando stai malino ma non malissimo, hai un'ottima scusa per non andare a scuola e non studiare e te ne puoi stare a letto a sonnecchiare tutto il giorno o a guardare "junk-tv" rincantucciata sul divano avvolta dalla vestaglia a pois rosa (no, ma che, mica ce l'ho...)? Una quasi-treenne queste cose non le sa ancora apprezzare, sa solo che non la porti al parco, che a casa si rompe e che lo sciroppo per la tosse le fa veramente schifo!

Il bersaglio successivo del virus e' stata la quiscrivente mammainSE che se l'e' vista bruttina da domenica scorsa e che da ieri ha ricominciato a vedere la luce della salute che torna.
La mammainSE ha scoperto che gestire due pupi dalla mattina alla sera e' dura, ma gestire due pupi dalla mattina alla sera con 38.5 di febbre, senza voce ed un maldigola che ti porta via e' un vero e proprio inferno.
Spiegalo alla pupa che no, le canzoncine dalla mattina alla sera non le puoi cantare perche' la voce ti e' scesa di un paio di ottave e che appena provi a proferire parola ti parte l'attacco di tosse killer e ti perdi un polmone per casa.
Se non altro non sono incinta ed ho smesso di allattare il che vuol dire che posso prendere tutte le medicine che il mio stomaco si sente di digerire. E cosi, per sopravvivere a lunghe giornate con i nani, mi sono letteralmente drogata di medicine: paracetamolo, ibuprofene, fenilefrina, guaifenesina, caffeina, losanghe lenitive antibiotiche, spray nasali e confezione famiglia di fazzolettini mentolati.
E cosi la mammainSE e' sopravvissuta, i nani pure e la casa non e' andata in malora.

E poi. E' Successo.
La Tragedia.
La Calamita'.
Lui. L'uomo (grande) e forte di casa.
Proprio lui, Mr.M. ha annunciato: ho maldigola, mi sto ammalando.

Posso sopravvivere ad orde di bambini dal naso moccicoso che urlano e mi impestano casa, posso sopravvivere ad una settimana rinchiusa in casa da sola con due nani ammalati, posso sopravvivere a due nani bisognosi e lamentosi mentre io sono ammalatissima, ma no, la Men's Flu e' troppo anche per me.

Si sa che qualunque forma influenzale possa colpire donne e bambini, non sara' mai grave, dolorosa e di lenta guarigione come la Men's Flu. Perche' la Men's Flu non e' un mero virus. E' uno stato mentale oltre che fisico. E' il guerriero di casa messo K.O. da una manciata di germi e bacilli che sfuggono al suo minuzioso controllo.
La Men's Flu sgretola anche le piu' grandi personalita', li toglie dal timone del comando e li fa ritornare bambini.
Bisognosi, con gli occhioni umidicci e le orecchie basse e depresse, alla continua ricerca di supporto e comprensione.
Non camminano. Strascicano.
Non parlano. Gemono.
Non chiedono. Implorano.
Deambulano stancamente dal letto al divano e dal divano al letto, lasciando scie di fazzolettini e di stick per il naso.
E si lamentano. O. Come. Si. Lamentano.

Speriamo che Santo Paracetamolo ache questa volta compia il miracolo, ci restituisca l'uomo di casa con tutte le sue virtu' e ci conceda una weekend lontano da fazzolettini moccicosi !

10 comments:

  1. che il paracetamolo ti assista ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Pare che paracetamolo e local biotal stiano compiendo un miracolo...aspettiamo e vediamo..

      Delete
  2. Ha ha ha, stai descrivendo nostra casa in questo momento!!! Poi, dopo che tutti noi abbiamo passato dello stesso virus, lui mi chiede 'Ma, cosa mi sta succedendo?' come se fosse il virus ha cambiato solo per lui e addesso ha l'ebola! Io mi sono passato il peggio con febre, etc. pero quando il mal di gola e' arrivato a lui, lui ha mandato i pulcini a casa della zia. Hee hee

    ReplyDelete
    Replies
    1. Fantastico. Quello che mi sento dire io invece e': "Ma cosa mi avete attaccatoooooo"
      Ma, dico io, non e' che ti volevamo fare un dispetto.....

      Delete
  3. Conosco il soggetto clinico. Credo che sia piu' comune di quanto si pensi.
    Se poi i bimbi sono stati ammalati prima di lui, pretende le stesse cure dei figli.Anzi di piu'.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Comunissimo...oggettivamente non conosco uomo che si distacchi dalla descrizione. Se lo dovessi incontrare credo che tenterei la clonazione....

      Delete
  4. Descrizione perfetta! Mio marito è uguale, insopportabile.
    Stasera però sono io con il raffreddore e le ossa rotte e un po' avrei voglia di lagnarmi ... ma come al solito me la caverò!

    ReplyDelete
    Replies
    1. La differenza e' che se ti lagni tu, non ti ascolta assolutamente nessuno...almeno che tu non decida di scrivere un bel post lagnoso e liberatorio!!!

      Delete
  5. l'uomo malato è peggio del ritorno della peste bubbonica!!sembra tu debba organizzare il funerale da un minuto all'altro..così è il mio babbo,così è il mio ragazzo.

    ReplyDelete
  6. credevo fosse una prerogativa di mio marito, che agonizza con 36,9 di febbre, allora mi unisco al club!

    ReplyDelete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...